L'anziano signore tedesco


Un anziano signore tedesco, che viveva in Germania, aveva concluso un preliminare per l’acquisto di un appartamento sul lago di Como, ma dopo due anni ancora non riusciva, per svariati motivi di tipo burocratico e catastale, linguistico e di diffidenza, frattanto sorta tra le parti, a concludere la tanto agognata compravendita. Grazie al nostro intervento, è stato possibile far re-incontrare le parti, individuare e risolvere le problematiche catastali dell’immobile e spiegarle al cliente, far giungere le parti un accordo sul prezzo, trovare il Notaio e l’interprete presente alla data del rogito, tradurre gli atti per maggiore comprensione del cliente di lingua tedesca, spiegare al cliente tedesco con quali modalità dovesse venire saldato l’importo residuo, stipulare l’atto di compra-vendita nell’arco di qualche mese.


L'inquilino abusivo


Una signora italiana residente in Inghilterra era proprietaria di un appartamento a Milano, da tempo occupato abusivamente da colui che, in precedenza, era stato il regolare inquilino; grazie al ns. intervento: è stata instaurata la procedura di sfratto per finita locazione, iniziato una trattativa con l’occupante, raggiunto un accordo per l’uscita anticipata dell’ex inquilino, sostituite le chiavi, immesso il bene nella disponibilità della proprietaria, con l’aggiornamento dell’appartamento alla normativa vigente per impianti e certificazione energetica.


L'usufruttuario moroso


Una signora, proprietaria della nuda proprietà di un appartamento a Milano, viene a sapere dall’amministratore del condominio che l’usufruttuario è moroso nel pagamento delle spese condominiali sicchè, il condominio, ha instaurato una procedura di pignoramento dell’usufrutto; grazie al nostro intervento: previo contatto con il legale della procedura esecutiva, è stata verificata l’esistenza in vita dell’anziano usufruttuario (fattore rilevante al fine dell’eventuale consolidamento della proprietà in capo alla “nuda” proprietaria), è stata eseguita una stima del valore dell’usufrutto, tramite visura catastale è stato ritracciato l’usufruttuario moroso a Parigi, il quale è stato contattato e messo al corrente della procedura esecutiva promossa nei suoi confronti, quindi l’usufruttuario ha saldato il debito nei confronti del condominio con conseguente abbandono della procedura esecutiva.


Note Legali

Sito realizzato in ottemperanza agli artt. 17 e 19 del Codice Deontologico Forense (come modificato dal C.N.F. in data 16/12/06). Gli avvocati Simona Pellegrino e Pietro V. Faranda si impegnano a fornire prestazioni e servizi di natura legale nel pieno rispetto delle norme deontologiche ed in conformità alle tariffe forensi di cui al DM 127/2004, in vigore dal 02/06/04. Ai sensi dell'art. 17 bis del Codice Deontologico, Responsabile del sito è l'avv. Simona Pellegrino iscritto presso il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Milano. Il presente sito ha solo un carattere esclusivamente informativo nel più assoluto rispetto della Delibera del Consiglio Nazionale Forense del 17/07/99 e degli artt. 17 e 17 bis del Codice deontologico forense.

Cookie Policy